Agevolazioni per vasche da bagno per disabili

Home » Agevolazioni vasche per disabili

Detrazioni fiscali e finanziamenti per l’acquisto e l’installazione di vasche con apertura laterale

Sapevi che per l’acquisto di vasche da bagno per disabili ToAccess sono previsti importanti sgravi statali? Per aspirare a una società sempre più inclusiva e attenta all’abbattimento delle barriere architettoniche, sono stati erogati numerosi incentivi per ridurre le spese a carico di persone con disabilità e dei loro familiari, che possono essere richieste sia per il solo acquisto di una vasca da bagno sia per sostenere le opere murarie necessarie per la sostituzione della vecchia vasca con un modello nuovo.

agevolazioni vasche per disabili

IVA agevolata al 4%

La quasi totalità degli articoli in commercio è venduta con l’aliquota fissa al 22%. I nostri articoli, invece, possono essere acquistati anche con l’aliquota al 4%. Questa agevolazione è riservata alle persone diversamente abili e può essere ottenuta presentando, prima dell’acquisto, il certificato medico che attesta l’invalidità specifica dell’acquirente, la necessità fisica di possedere una vasca con porta o di installare una doccia filo pavimento.

Detrazione IRPEF 19% e 50%

Per il solo acquisto di vasche da bagno per disabili si ha diritto a una detrazione dal proprio Irpef pari al 19% del costo sostenuto. Se, invece, l’acquisto e la posa di una vasca con sportello laterale richiede opere murarie e di installazione, è possibile ottenere una detrazione IRPEF del 50% in fase di dichiarazione dei redditi.

Legge 13

Un’altra occasione da non perdere è quella offerta dalla Legge 13. Grazie a questa legge si possono ricevere interessanti somme dai propri Comuni di residenza, da utilizzare per l’adeguamento dell’unità immobiliare di proprietà o dell’appartamento preso in affitto in un condominio allo scopo di abbattere le barriere architettoniche (scale, porte troppo strette, sostituzione sanitari, wc-bidet inadeguati, etc). Il contributo non può essere richiesto per le case di nuova costruzione, ma solo per le ristrutturazioni e va tassativamente inoltrato prima dell’inizio dei lavori (o prima di acquistare un ausilio sanitario).